Il saluto di Sabina prima della pausa natalizia… con un vino da mettere sotto l’albero!

Eccoci all’ultimo appuntamento prima della pausa natalizia con un piatto che di per se è già una festa!

Durante questo anno di lavoro con Ambra ho cercato di portarvi a spasso per l’Italia del vino alla scoperta dei tanti vitigni che fanno parte della nostra cultura e della nostra tradizione, approfittando delle prelibatezze con cui la nostra instancabile chef ci delizia ogni settimana. Spero di avervi incuriosito e lasciato qualche piccolo appunto, da utilizzare per le vostre occasioni speciali.

Desidero allora concludere questo 2013 parlandovi di un altro vitigno ancora, originario della Valle del Rodano ma che trova nelle colline cortonesi un habitat ideale dando origine ad un vino straordinario. Stiamo parlando del Syrah e di Stefano Amerighi, che con passione e radici ben piantate nella  tradizione contadina della propria famiglia produce secondo i dettami della viticoltura naturale e dell’agricoltura biodinamica.

La vinificazione del Cortona Syrah viene fatta in totale assenza di correttivi e prodotti chimici. La fermentazione si compie in modo spontaneo, la maturazione avviene per metà in vasche di cemento e per metà in legno. Il vino che arriva a noi è frutto di ben sedici (!) vinificazioni differenti, ottenute lavorando separatamente le uve che arrivano dalle diverse parcelle.

Profumi ampi e intensi; tannino, acidità e struttura che ci fanno pensare ad un’ottima capacità di invecchiamento. Caldo e morbido con un lungo finale dove ritornano le spezie… un vino da pranzo di Natale!

Lo trovate in enoteca al costo di circa 22 euro, ma se avete la fortuna di trascorrere qualche giorno in Toscana non fatevi scappare l’occasione dell’acquisto diretto in cantina.

Tanti auguri a tutti voi!

Sabina

 

Il gattoghiotto abbina…

Cannelloni saporiti alla verza con besciamella al curry

Comments

Lascia un commento