Ardito del Mugello, Podere Fortuna

Un bel piatto autunnale che mi permette dopo parecchie settimane di parlarvi nuovamente di vino rosso… perfetto per affrontare l’arrivo del freddo!

Allora visto che abbiamo lasciato in lunga attesa gli amanti dei rossi, ritorniamo alla grande con il vitigno più ostico ma anche più seducente, pieno di incognite ma anche di raffinate conferme, il Pinot Noir.

Normalmente viene associato alla Borgogna da cui provengono le bottiglie più care e pregiate, ma anche in Italia troviamo oasi in cui quest’uva prospera dando risultati eccellenti. Oggi vi porto nella regione che meno vi aspettereste parlando di pinot… vi porto in Toscana!

La prima vendemmia documentata del Podere Fortuna risale addirittura al 1465, quando la proprietà era di Lorenzo De Medici. Oggi, tra le colline del Mugello, Alessandro Brogi e il suo staff producono alcuni tra i migliori Pinot Nero del nostro Paese con rese in vigna talmente basse da trovare termini di paragone solo tra i più rinomati vigneron di Francia. Una scelta antieconomica, ma fondamentale se si sceglie di fare alta qualità.

L’Ardito del Mugello è frutto di un assemblaggio tra Pinot Nero e Merlot con piccole percentuali di Sangiovese e Malvasia Nera. Dopo una raccolta rigorosamente manuale in piccole cassette, le uve vengono vinificate senza lieviti aggiunti. Il vino così ottenuto matura per un anno in barrique di rovere francese e per otto mesi in tini di cemento. Al naso presenta sentori fruttati e note minerali. In bocca la morbidezza del Merlot è ben bilanciata da freschezza e tannicità, lunga la persistenza. Un vino da scoprire e da godere, con un prezzo decisamente vantaggioso (12 euro circa).

Buona degustazione!

Sabina

Ed ecco l’abbinamento di gattoghiotto, foodblogger…

 

ARROSTO DI MAIALE CON PANCETTA E UVA ROSSA

 

Comments

  1. Non credo che questo vino sia ancora in produzione, e me ne dispiace: l’ho bevuto a casa mia, soltanto in un paio di occasioni… dovendo inviare solo un commento succinto, sottolineo l’incredibile rapporto qualità/prezzo dell’Ardito: mi ha regalato una soddisfazione che etichette molto più note e costose sono ben lontane dal saper offrire!

Lascia un commento